I SALDI PER SCACCIARE LA CRISI PREVALE UN CAUTO OTTIMISMO. | Confcommercio - Imprese per l'Italia - Siracusa
Domenica 21 Gennaio 2018
AREA LAVORO

I SALDI PER SCACCIARE LA CRISI PREVALE UN CAUTO OTTIMISMO.

I saldi per scacciare la crisi prevale un cauto ottimismo. Le strategie dei commercianti per corteggiare i clienti Confcommercio. Romano di Confcommercio: <
Siracusa, 01/07/2015

Confcommercio. Romano di Confcommercio: <<Una boccata di ossigeno», Brocca di Federmoda: <<Ci aspettiamo un incremento»
                        
In Sicilia scatteranno ufficialmente fra tre giorni anche se alcune attività commerciali riportano già la scritta "saldi" nelle vetrine. Anche a Siracusa la stagione degli sconti é già ufficiosamente cominciata. Molti commercianti (per quella che sta ormai diventando una consuetudine) hanno pensato di rinfrescare la memoria ai propri clienti, inviando loro sms o mail per invitarli a non lasciarsi scappare l'opportunità di portare a termine affari proficui per le loro tasche.

<<Ci aspettiamo una boccata di ossigeno alla luce del fatto - spiega Sandro Romano, presidente di Confcommercio Siracusa - che la crisi economica ed il clima favorevole dovrebbero indurre la gente a passeggiare lungo le vie centrali della città e a lasciarsi ingolosire dai prezzi convenienti del periodo.


ll mio ottimismo deriva soprattutto dalla presenza di numerosi turisti, soprattutto quelli stranieri, che mostrano di apprezzare sempre pill il made in Italy. Poiché Ortigia pullula in questi giorni di inizio estate di forestieri, i negozi del centro storico potrebbero trarne vantaggio, incrementando le vendite. Lo scorso anno - prosegue Romano cé stato un segno più, l`auspicio é che il 2015 possa essere ancor più proficuo per le casse dei commercianti siracusani che soffrono una crisi che per buona parte dell`anno, non da tregua»
Da qui l'appello che il numero 1 di Confcommerio rivolge ai siracusani.


<<Consiglio di fare acquisti nei negozi di vicinato, quelli di fiducia, in grado di garantire - sottolinea - i servizi post vendita. Recarsi nei centri commerciali, ancor peggio se di altre province, pub risultare deleterio perché anche il cambio di un singolo capo pub diventare problematico. In questo periodo, comunque, il comparto più solido é l'abbigliamento, la gente infatti approfitta degli sconti per comprare costumi e vestiti soprattutto per i figli».

Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente di Federmoda Siracusa Sebastiano Brocca.
<<Stiamo già facendo il conto alla rovescia - dice - contando i giorni che ci separano dal 4 luglio. E' vero che in molte attività i saldi sono già cominciati ma questo é un punto dolente per la categoria.


Si tratta di una cattiva abitudine che andrebbe repressa perché sinonimo di concorrenza sleale. Ci attendiamo comunque un incremento delle vendite, anche se la gente e sempre più oculata negli acquisti. Preferisce girare, vagliare con attenzione per cercare la migliore offerta prima di comprare. L'acquisto di primo impatto ormai non esiste più».


Per il presidente di Confesercenti Arturo Linguanti, <<il settore versa in una grave crisi economica. Sono tante le attività che hanno chiuso i battenti, determinando un aumento della disoccupazione. L'augurio che i commercianti possano trarre profitto dai saldi estivi».

MAURILIO ABELA

   Seguici su Facebook